JUVENTUS – Palermo 4 a 1: e ora la Champions

Posted on: 17 Febbraio 2017, by :
Condividi il post su
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

Il Palermo è con l’acqua alla gola per la disastrosa classifica, la Juve non si fida e, a pochi giorni dall’ottavo di Champions contro il Porto, fa la giusta rotazione, con Pjaca dal primo minuto al posto dello squalificato Mandzukic.

Solo 5 di gioco e Sturaro è steso ai 25 metri, Dybala calcia sul palo lontano  e scheggia il tredicesimo legno dei bianconeri nella stagione. La Juventus è padrona della situazione, stavolta il fallo è sulla Joya, Dani Alves scodella la punizione per Higuain il quale, sfuggito tutto solo sul filo del fuorigioco, tenta in controbalzo di sorprendere Posavec in uscita. La palla resta lì, Marchisio si avventa e la sposta verso l’interno per spalancarsi la porta davanti agli occhi e poi scaraventare col sinistro la palla in rete per l’1 a 0.

Il Palermo si sveglia, o la Juve si addormenta, fa lo stesso, Nestorovski va via a sinistra e cerca il diagonale. Buffon è reattivo e sventa. Il numero di Pjaca è delizioso, il suo cross tagliato per Khedira pericoloso. Il portiere sporca la traiettoria e il tedesco la sfiora soltanto. Complice una Juventus svogliata, ora passata al 4 3 3, s’impigrisce la partita. Poi, al minuto 37, Asamoah con una magia toglie la battuta a colpo sicuro all’attaccante rosanero Balogh e lo spavento si trasforma in applauso. Solo tre minuti e Sturaro si guadagna un altro calcio da fermo dai 23 metri. Dybala è magico con un sinistro arrotondato sul palo vicino, il portiere non ci arriva proprio e, in chiusura di tempo, la Juve raddoppia.

Lemina per Khedira e parte la ripresa. Sturaro trova solo l’angolo col suo destro, Bonucci cerca di festeggiare la sua 300a in maglia bianconera con il gol dell’anno dalla sua tre quarti, poi Benatia apre il gioco da sinistra a destra, Dania Alves la stoppa, vede il taglio di Dybala e lo serve in orizzontale. Tocco dentro per Higuain, bravissimo a scavalcare il portiere in uscita con un tocco morbido molto simile a quello esibito a Cagliari nella partita precedente. Bellissimo.

Con il tris della Juve la partita è finita quando manca mezz’ora al triplice fischio. Ora i bianconeri passeggiano proprio, sfiorando il poker in più occasioni, la più ghiotta tra i piedi di Cuadrado, dentro per Sturaro, che spara sul portiere. Quindi Higuain sfrutta l’errore di Goldaniga e fugge verso la porta trascinandosi dietro il difensore. Entrato in area, il Pipita scarica con il tacco per l’accorrente Dybala, chirurgico col mancino a seccare il portiere per il poker. Chochev addolcisce la sconfitta con una bella testata che vale il 4 a 1 e l’arbitro fischia la fine. La Juve vola a 63 punti in classifica e, da oggi, pensa solo alla Champions League.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi