Torino-JUVENTUS 1 a 3: la cronaca

Posted on: 11 Dicembre 2016, by :
Condividi il post su
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail

E dopo l’Atalanta il calendario propone un’altra sfida contro una squadra che sta sorprendendo in campionato. E’ tempo del derby della Mole contro i granata di Mihajlovic, settimi in classifica con 25 punti, che Allegri affronta con un 4 3 3 di partenza che ricorda quello esibito nella trasferta di Verona contro il Chievo. Con il tridente d’attacco Cuadrado-Higuain-Mandzukic, assistito da un centrocampo composto da Khedira, Marchisio e Sturaro. Lì dietro torna Buffon e linea difensiva con Lichtsteiner, Rugani, Chiellini e Sandro, con il compito di disinnescare l’ottimo Belotti visto fin qui e i suoi compagni.

Un minuto e il sinistro di Valdifiori è velleitario, altri tre e comincia a prendere campo la Juventus. Castan buca l’intervento su una verticalizzazione, Mandzukic la mette bassa e Sturaro non ci arriva di un soffio sottoporta. Il cross di Cuadrado è per Mandzukic, il quale va di testa invece di girarla di piede e la schiaccia sui tabelloni. Riparte il Toro e la sventola di Ljajic incontra il petto di Chiellini. Si accende la sfida, sul destro di Khedira ci mette il piede Mandzukic, ma Hart con un riflesso sventa. Minuto 16, Baselli crossa dal fondo, Belotti anticipa di testa Lichtsteiner e secca Buffon sul palo lontano. Bisogna reagire subito, il destro di Higuain è molle, il mancino di Marchisio va alle stelle, mentre intanto i granata hanno gamba e ripartono, mettendo sempre in difficoltà la retroguardia bianconera. Minuto 28, Cuadrado è un turbo a scippare palla sulla trequarti e Mandzukic, spalle alla porta, è immediato con un tacco favoloso a servire Higuain nello spazio. Il Pipita è lesto a incunearsi tra le maglie avversarie, secca Hart con un destro strozzato e fa 1 a 1.

Bene così. La Juve c’è, Mandzukic gioca per due e si becca il giallo per un tackle pulito sul pallone. Cala un po’ il ritmo e il tempo finisce in perfetta parità.

Il lancio di Marchisio per l’inserimento di Khedira apre la ripresa. Il tedesco sbaglia tutto e mette sul fondo. Gioca alta la squadra bianconera, il Toro è in difficoltà e gioca solo di rimessa. Mandzukic sventa in corner una punizione tagliata da sinistra. Minuto 60, Benassi ha un rigore in movimento. Come al solito c’è Mandzukic a salvare Buffon. Lichtsteiner irrompe in area e Castan lo travolge. Si continua come si continuò con Ronaldo, solo che ora le proteste durano solo due secondi. Lemina rileva uno stanco Sturaro, Chiellini sbaglia tutto ma il Toro non ne approfitta. E’ il momento del Torino. Rossetini taglia il campo, stavolta Chiello salva in angolo. Dybala per Mandzukic per gli ultimi 20 di gioco, ne passano tre e Ljajic sfiora l’incrocio con un bel destro a giro. La partita è apertissima, Higuain fa tutto da solo senza vedere Dybala e spara in curva, ma il gioco ora lo fannpo i granata. Pjanic per Cuadrado è l’ultimo cambio per Allegri, mentre Miha li fa tutti insieme lasciando quattro punte in campo. Nemmeno un minuto e sulla palla dalle retrovie, Higuain fa scorrere la sfera spalle alla porta portandosela al volo sul destro, si divincola dalla morsa del difensore e scocca una botta dai 18 metri che si spegne alle spalle del portiere per il vantaggio bianconero. Bellissimo.

Solo il recupero divide la Juventus da una bellissima vittoria, Dybala fa il mago sulla destra e serve col contagiri Higuain. Sulla parata, Dybala l’appoggia a Pjanic che, al secondo tentativo, chiude il derby con un perentorio 3 a 1. Avanti un altro.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi