1 di numero e di fatto

Posted on: 20 marzo 2016, by :
Condividi il post su
Facebooktwittergoogle_plusmailFacebooktwittergoogle_plusmail
© Francesco Di Leonforte Campionato TIM Serie A Juventus Stadium
Juventus – Torino

Buffon

Passati indenni i primi tre minuti, Gigi Buffon diventa ufficialmente LEGGENDA del calcio. I minuti scorrono e solo un rigore ferma il cronometro all’incredibile cifra di 974 minuti senza subire gol in serie A. Questo record, detenuto da Sebastiano rossi, viene ampiamente battuto dopo oltre 20 anni e credo che passeranno almeno altrettanti anni prima che possa essere minimamente avvicinato. Numeri mostruosi che proiettano il portiere Juventino e della Nazionale Italiana nell’Olimpo e nelle leggende del calcio mondiale.

FDL_0045

Dalla Pagine di Facebook di Gigi Buffon prendiamo a prestito questa specie di filastrocca a suggellare la grossa impresa ed il prestigioso traguardo raggiunto dal numero uno dei numeri uno:

Nessun record è figlio di un singolo e non si è numeri 1 fuori da un gruppo: allora voglio dire grazie a…

Neto per la tranquillità che dona a tutta la squadra ogni volta che scende in campo
Rubinho, leader paziente e silenzioso
Chiello perché ‪#‎finoallafine‬ lui non molla mai
Caceres per l’entusiasmo che mostra anche nei momenti più difficili
Alex Sandro perché vederlo saltare l’uomo è sempre un piacere
Barzagli: da clonare, subito
Bonucci, per la sua personalità a testa alta sempre al servizio della squadra
Rugani, perché saper ascoltare è una dote rara
Stephan, gambe e polmoni di questa Juve
Evra, se non ci fosse bisognerebbe comprarlo
Khedira: l’uomo giusto sempre nel posto giusto
Marchisio, l’unico giocatore che conosco di colore bianco/nero
Pogba, perché non vive il calcio ma lo inventa
Hernanes, perché ogni squadra deve avere il proprio Profeta
Lemina, semplicemente uno da Juve
Padoin, dove lo metti sta, e sta benissimo
Asamoah, la sua voglia di calcio è più forte di qualunque infortunio
Sturaro, “lotta, cade, si rialza e sempre vincerà”
Pereyra perché la fantasia è il sale di questo sport
Zaza, nato per segnare da qualunque posizione
Morata, di lui c’è sempre bisogno
Cuadrado, perché ogni volta che parte sembra dire “prendimi se ci riesci”
Mandzukic, primo ad attaccare e sempre primo a difendere
Dybala, se dopo Thuram, Zidane e Pirlo il 21 è andato a lui, un motivo ci sarà
…e al Mister, un vincente nel tempio dei vincenti!

Varie

FDL_1541

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi